IL PRESERVATIVO FEMMINILE

Dott. Luciano Schiazza
Specialista in Dermatologia e Venereologia
Specialista in Leprologia e Dermatologia Tropicale
cell 335.655.97.70
www.lucianoschiazza.it

Preservativo femminile

Nella prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse il preservativo rappresenta un’ottima protezione di barriera, anche se non assoluta (utilizzo non corretto, rottura). Chiaramente solo l’astinenza sessuale garantisce la protezione al 100%.

Comunemente quando si pensa al preservativo si è portati ad identificarlo con quello  indossato dall’uomo (detto anche profilattico o condom). Tuttavia pochi sanno che esiste anche il preservativo femminile (o Femidom).

Il preservativo femminile rientra nella lista dei contraccettivi barriera (non ormonali), ossia di quelli strumenti che, impedendo il contatto tra spermatozoo e cellula uovo, proteggono da gravidanze indesiderate ed inattese. Oltre a questo aspetto contraccettivo però il preservativo femminile tutela entrambi i partners riducendo il rischio di contrarre infezioni di origine venerea.

Da non confondersi con il dental dam o fazzoletto di lattice, usato nei rapporti oro-genitali anch’esso come presidio di prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse (MST).

Il preservativo femminile è uno speciale tipo di condom creato appositamente per le donne. In tal modo esse possono proteggersi autonomamente anche se l'uomo non ha o non vuole usare il preservativo classico (quante volte capita che l'uomo si rifiuta?).


COM'E' FATTO?

Preservativo femminile

Ha una forma apparentemente simile a quella del profilattico maschile ma differisce da quest'ultimo per

L’anello interno (ermeticamente chiuso) è utilizzato per inserire il preservativo femminile e aiuta a mantenerlo al posto giusto, dietro l’osso pubico.

L’anello esterno, che è all’estremità opposta, è morbido e rimane all’esterno della vagina durante il rapporto sessuale, coprendo i genitali esterni (vulva).

Diversamente dal preservativo maschile, quello femminile può essere inserito prima del momento del rapporto e quindi non interrompere la spontaneità dell’atto sessuale.

E’ già lubrificato con un prodotto a base di silicone al fine di facilitarne l’introduzione e i movimenti durante il rapporto.

Volendo possono essere utilizzati ulteriori lubrificanti, sia a base oleosa che acquosa.

COME SI USA?

Inizialmente potrebbe esservi qualche difficoltà nel posizionare correttamente il preservativo, ma dopo qualche tentativo, l’inserimento diventa immediato e semplice.

Che sia posizionato in maniera precisa è condizione assolutamente necessaria per poter utilizzare con sicurezza il preservativo in un rapporto sessuale.

Prima però occorre seguire alcune regole:

Preservativo femminile

COME INSERIRE IL PRESERVATIVO FEMMINILE

Se inserito correttamente, l'applicazione del preservativo femminile non è assolutamente dolorosa. Durante le prime applicazioni, la donna potrebbe percepire un leggero fastidio od una certa difficoltà ad introdurre il preservativo. La sensazione è pressoché normale, espressione dell'inesperienza sull'utilizzo del metodo. Dopo poche applicazioni, l'inserimento del preservativo femminile sarà semplice ed immediato.

Il preservativo femminile, a differenza del condom maschile, può essere inserito in vagina fino ad 8 ore prima del rapporto sessuale. Questa peculiarità è percepita come un aspetto assolutamente positivo del metodo contraccettivo, dato che consente una maggior spontaneità del rapporto.

Ad ogni modo, la donna può decidere di applicare il preservativo femminile fino ad un istante prima dell'inizio del rapporto.

COME RIMUOVERE IL PRESERVATIVO FEMMINILE

Per quanto riguarda la rimozione del profilattico femminile dopo l’eiaculazione, una ulteriore differenza rispetto a quello maschile è che la variante femminile può essere rimossa dalla vagina anche alcune ore dopo il termine del rapporto. E’ consigliabile tuttavia rimuovere il preservativo prima di alzarsi in piedi, per evitare che lo sperma si riversi all’esterno. Tecnicamente parlando, Tuttavia, per evitare che lo sperma si riversi, è consigliato rimuovere il preservativo femminile prima che la donna si alzi in piedi. Estrarlo delicatamente dalla vagina, premendo e ruotando l'anello esterno per mantenere lo sperma all'interno del sacchetto. Non gettarlo nel WC.

Ma quali sono i vantaggi e svantaggi legati all’uso del profilattico femminile.

VANTAGGI

Oltre ad offrire una valida protezione da gravidanze indesiderate e malattie veneree (79-95%), il preservativo femminile presenta numerosi vantaggi:

SVANTAGGI